top of page

iscriviti

Riceverai un aggiornamento quando viene pubblicato un nuovo articolo

INVIATO!

Cerca
  • Immagine del redattoreAlice Rondelli

Le scioccanti origini del caso Jeffrey Epstein

Whitney Webb (scrittrice e reporter investigativa) firma un interessante articolo pubblicato il 18 luglio 2019 su Unlimited Hangout, che ripropone un’inchiesta esclusiva condotta da Mint Press, che racconta come Epstein sia stato solamente l’ultima incarnazione di un’operazione molto più antica, più estesa e sofisticata, che offre una finestra spaventosa su quanto sia profondamente legato il governo degli Stati Uniti agli equivalenti moderni del crimine organizzato.

Ph. New York City, 2019 (Alice Rondelli)

È attraverso il commercio di contrabbando degli anni ‘20 e dei primi anni ‘30 che inizia questa storia, poiché ha riunito figure chiave i cui successori e affiliati avrebbero infine creato una serie di giri di ricatto e traffico sessuale che avrebbero dato origine a personaggi del calibro di Jeffrey Epstein, il Lolita Express e Orgy Island.

L’era del proibizionismo negli Stati Uniti è spesso usata come esempio di come il divieto di sostanze ricreative non solo ne aumenti la popolarità, ma causi anche un boom di attività criminali. In effetti, fu il proibizionismo che aumentò notevolmente la forza della mafia americana, poiché i massimi signori del crimine dell’epoca si arricchirono attraverso il commercio clandestino e la vendita di alcolici oltre al gioco d’azzardo e ad altre attività.

Samuel Bronfman iniziò a distribuire alcolici come estensione dell’attività alberghiera della sua famiglia. Durante il periodo di proibizione del Canada, l’azienda della famiglia Bronfman ha utilizzato scappatoie per aggirare la legge e trovare modi tecnicamente legali per vendere alcolici negli hotel e nei negozi di proprietà della famiglia. Subito dopo la fine del proibizionismo in Canada, iniziò negli Stati Uniti l’epoca dei divieti e la chiave del successo dei Bronfman furono i legami che la famiglia aveva coltivato con la criminalità organizzata durante il proibizionismo canadese, legami che portarono molti membri di spicco della mafia negli Stati Uniti a favorire Bronfman come socio in affari. La maggior parte dei soci della mafia di Bronfman erano membri di quello che divenne noto come National Crime Syndicate, che un organo investigativo del Senato degli anni ‘50 – noto come Comitato Kefauver – descrisse come una confederazione dominata da mafie italo-americane ed ebree-americane. Durante quell’indagine, alcuni dei più grandi nomi della mafia americana indicarono la famiglia Bronfman come figura centrale nelle loro operazioni di contrabbando. Anni dopo, i figli e i nipoti di Samuel Bronfman avrebbero continuato a frequentare strettamente Leslie Wexner, presumibilmente la fonte di gran parte della misteriosa ricchezza di Epstein, e altri “filantropi” legati alla mafia.

Fondamentali per le operazioni di contrabbando di Bronfman furono due intermediari, uno dei quali era Lewis “Lew” Rosenstiel. Rosenstiel ha iniziato a lavorare nella distilleria di suo zio nel Kentucky prima del proibizionismo. Una volta entrata in vigore la legge che vietava l’alcol, Rosenstiel creò la Schenley Products Company, che in seguito sarebbe diventata una delle più grandi aziende di liquori del Nord America.

Rosenstiel ebbe un incontro “casuale” con Winston Churchill nel 1922, mentre era in vacanza in Costa Azzurra. Secondo il New York Times, Churchill “gli consigliò di prepararsi per il ritorno delle vendite di liquori negli Stati Uniti”. Rosenstiel riuscì a ottenere il finanziamento dalla società di Wall Street Lehman Brothers per finanziare il suo acquisto di distillerie chiuse. L’uomo fu chiaramente coinvolto in operazioni di contrabbando e per questo venne incriminato nel 1929, sebbene sfuggì alla condanna. Come Bronfman, Rosenstiel era vicino alla criminalità organizzata, in particolare ai membri dell’alleanza mafiosa National Crime Syndicate.

Successive indagini legislative dello stato di New York avrebbero affermato che Rosenstiel «faceva parte di un consorzio del quale erano membri anche personaggi della malavita che compravano liquori in Canada da Samuel Bronfman», i cui altri membri erano Meyer Lansky (noto leader del crimine organizzato), Joseph Fusco (uno dei soci del defunto gangster di Chicago Al Capone) e Joseph Linsey (precedentemente condannato per contrabbando). La relazione di Rosenstiel con questi uomini, in particolare con Lansky, sarebbe continuata molto tempo dopo il proibizionismo, e anche Samuel Bronfman, da parte sua, avrebbe mantenuto i suoi legami con la mafia. Oltre ai suoi amici nella mafia, Rosenstiel aveva coltivato stretti legami con l’FBI, in particolare con il direttore di lunga data dell’agenzia, J. Edgar Hoover. Il braccio destro di Hoover, nonché assistente di lunga data presso l’FBI, Louis Nichols, sarebbe diventato nel 1957 il vicepresidente della Schenley Products Company, l’impero dei liquori del Nord America di Rosenstiel.

Nonostante i loro background simili di baroni contrabbandieri diventati uomini d’affari “rispettabili”, le personalità di Bronfman e Rosenstiel erano drasticamente diverse e la loro relazione complicata. Rosenstiel, infatti, aveva l’abitudine di intercettare i suoi uffici per ascoltare ciò che i dipendenti dicevano di lui quando non era presente. Inoltre, Bronfman si era sposato solo una volta ed è stato fedele a sua moglie, Rosenstiel era stato sposato cinque volte ed era noto per le sue sbuffonate bisessuali, una parte della sua vita che era ben nota a molti dei suoi stretti collaboratori e dipendenti .

Susan Kaufman, la quarta moglie di Rosenstiel, durante il procedimento di divorzio sostenne che il marito aveva ospitato feste stravaganti che includevano giovani gigolò, assunti per divertire gli ospiti, tra i quali fuguravano importanti funzionari governativi e figure di spicco della malavita americana. Non solo Rosenstiel organizzava queste feste, ma si assicurava che i locali all’interno dei quali si svolgevano, fossero infestati da microfoni che registrassero le imprese dei suoi ospiti di alto profilo. Susan Kaufman ha anche affermato che quelle registrazioni audio venivano conservate a scopo di ricatto. Sebbene le affermazioni di Kaufman siano scioccanti, la sua testimonianza è stata ritenuta credibile e tenuta in grande considerazione dall’ex consigliere capo del Comitato per il crimine, il giudice di New York Edward McLaughlin e dall’investigatore del comitato William Gallinaro; inoltre, alcuni aspetti della testimonianza Kaufman furono successivamente confermati da due testimoni che erano sconosciuti alla donna.

Questo scenario offre una finestra su un’operazione che in seguito sarebbe diventata più sofisticata e che sarebbe cresciuta enormemente negli anni ’50, sotto il controllo del comandante di campo di Rosenstiel. Molte delle persone legate a questo personaggio gli anni ‘70 e ‘80 hanno ritrovato i loro nomi sulla stampa dopo l’arresto di Jeffrey Epstein.

Dunque, Bronfman e Rosenstiel erano diventati leggendari nel business dei liquori nordamericani, nonostante le aspre battaglie personali e aziendali. Ciò che univa i due uomini d’affari più di ogni altra cosa, era il loro stretto legame con la criminalità organizzata americana, in particolare con il famoso mafioso Meyer Lansky. Lansky era uno dei gangster più famosi ed era noto per essere l’unico mafioso ad aver acquistato notorietà negli anni ’20, che era riuscito a morire da vecchio senza aver mai scontato un giorno di prigione. La capacità di Lansky di evitare il carcere è stata in gran parte il risultato dei suoi stretti rapporti con Bronfman e Rosenstiel che, a loro volta, avevano legami con l’FBI e con la comunità dell’intelligence statunitense, nonché il suo ruolo in diversi circuiti di ricatto ed estorsione che lo hanno aiutato a mantenere la legge a debita distanza. Bronfman organizzava regolarmente cene sontuose in onore di Lansky, che ricambiava offrendogli la protezione delle sue spedizioni durante il proibizionismo. Anche Rosenstiel organizzava anche delle cene in onore di Lansky, che era una delle persone che egli cercava di proteggere dal controllo legale come parte del suo giro di prostituzione minorile e di ricatto contro funzionari di alto rango. Lansky era noto per rivolgersi a Rosenstiel come “comandante Supremo”, un titolo che in seguito sarebbe stato usato per riferirsi a Rosenstiel da un altro individuo profondamente legato alle operazioni di mafia e ricatto sessuale, precedentemente indicato in questo rapporto come “comandante sul campo” di Rosenstiel. Anche Lansky aveva anche stretti legami con la CIA e l’intelligence militare statunitense. Durante la seconda guerra mondiale, infatti, aveva lavorato (insieme al suo socio Benjamin "Bugsy" Siegel) con l'intelligence navale in quella che è stata chiamata Operation Underworld, un’operazione la cui esistenza il governo americano ha negato per oltre 40 anni.

Il giornalista e noto cronista delle attività segrete della CIA, Douglas Valentine, ha osservato nel suo libro The CIA as Organized Crime: How Illegal Operations Corrupt America and the World, che la cooperazione del governo con la mafia durante la seconda guerra mondiale aveva portato alla sua espansione dopo la guerra, nonché alla sua futura collaborazione con l’intelligence statunitense.Secondo Valentine, in cambio dei servizi resi durante la guerra, i boss mafiosi erano stati protetti dall’accusa per dozzine di omicidi irrisolti.

Nel 1951 la mafia era un problema equivalente al terrorismo di oggi. Ma era anche un ramo protetto della CIA, che cooperava con le organizzazioni criminali di tutto il mondo e le utilizzava nella sua guerra segreta contro i sovietici e i cinesi rossi. La mafia aveva collaborato con lo zio Sam ed era emersa dalla seconda guerra mondiale piena di energia e di potere. In effetti, non molto tempo dopo la sua creazione, la CIA aveva stretto legami con Lansky per volere del capo del controspionaggio della CIA James J. Angleton. L’agenzia si sarebbe poi rivolta alla mafia legata a Lansky nei primi anni ‘60 come parte della sua ricerca costantemente infruttuosa di assassinare il leader cubano Fidel Castro, dimostrando che essa aveva mantenuto i suoi contatti con elementi della mafia controllati da Lansky molto tempo dopo il loro primo incontro. La CIA aveva anche stretti legami con alcuni soci dell’uomo, come Edward Moss (che lavorava per le pubbliche relazioni del gangster). Anche Harry “Happy” Meltzer, un altro socio di Lansky, era una risorsa della CIA, che gli chiese di unirsi a una squadra di assassini nel dicembre 1960.

Oltre alla CIA, Lansky era anche collegato a un’agenzia di intelligence straniera attraverso Tibor Rosenbaum, un procuratore di armi e alto funzionario del Mossad israeliano, la cui banca – l’International Credit Bank of Geneva – riciclava gran parte dei guadagni illeciti di Lansky.

Il giornalista Ed Reid, autore della biografia di Virginia Hill The Mistress and the Mafia , ha scritto che Lansky stava tentando di intrappolare persone potenti attraverso il ricatto sessuale già nel 1939. Reid sostiene che Lansky avesse inviato la signora Hill in Messico e stabilito un giro di droga, che in seguito avrebbe coinvolto l’Office of Strategic Services (il precursore della CIA) per sedurre numerosi politici di alto profilo, ufficiali dell’esercito, diplomatici e funzionari di polizia.

Alla fine, Lansky aveva ottenuto foto compromettenti del direttore dell’FBI, J. Edgar Hoover, negli anni ‘40, che lo mostravano in un rapporto omosessuale con il suo amico di lunga data, il vicedirettore dell’FBI Clyde Tolson. Queste foto caddero nelle mani del capo del controspionaggio della CIA James J. Angleton, che in seguito le aveva mostrate a molti altri funzionari della CIA. Angleton fu responsabile dei rapporti della CIA con l’FBI e il Mossad israeliano, fino a quando lasciò l’agenzia nel 1972 e rimase per tutto il tempo in contatto con Lansky.

Anthony Summers, ex giornalista della BBC e autore di Official and Confidential: The Secret Life of J. Edgar Hoover, ha sostenuto che non fu Lansky, ma William Donovan, il direttore dell’Office of Strategic Services, a ottenere le foto originali di Hoover e successivamente a condividerle con Lansky. Summers ha anche affermato che per il gangster Frank Costello e Lansky, la capacità di corrompere politici, poliziotti e giudici era fondamentale per le operazioni della mafia. Questo aneddoto dimostra che Lanksy e la CIA mantennero una relazione segreta, che includeva, tra le altre cose, la condivisione di materiale di ricatto, cioè di intelligence.

Il ricatto a Hoover fu un fattore importante nella sua negazione decennale circa il fatto che le reti nazionali di criminalità organizzata fossero un problema serio. Hoover, infatti, aveva sempre affermato che si trattava di una questione locale, decentralizzata e quindi al di fuori della giurisdizione del suo officio. Quando finalmente l’FBI riconobbe l’esistenza di reti nazionali di criminalità organizzata nel 1963, esse erano così radicate nell’establishment statunitense da essere intoccabili. L’ostinazione di Hoover permise, quindi, al crimine organizzato di crescere enormemente in termini economici e politici. Nonostante egli stesso ne fosse stato vittima, Hoover sembrava abbracciare proprio il tipo di operazione di ricatto sessuale che aveva compromesso anche la sua vita privata. Come Rosenstiel, Hoover era noto per accumulare ricatti su amici e nemici. Il suo ufficio, infatti, conteneva file segreti su numerose persone potenti a Washington, file che usava per ottenere favori e proteggere il suo status di direttore dell’FBI per tutto il tempo che desiderava. In effetti, se Hoover fosse stato semplicemente ricattato dalla mafia collegata a Lansky e a Rosenstiel, è improbabile che egli sarebbe stato così amichevole con i due, e che avesse partecipato di buon grado e con regolarità ai raduni che essi organizzavano.

Secondo il giornalista e autore Burton Hersh, Hoover era anche legato a Sherman Kaminsky, che gestiva un’operazione di ricatto sessuale a New York che coinvolgeva giovani gigolò. Quell’operazione fu sventata in un’indagine per estorsione del 1966, guidata dal procuratore distrettuale di Manhattan Frank Hogan, anche se l’FBI si occupò rapidamente delle indagini e le foto di Hoover e Kaminsky insieme presto scomparvero dal fascicolo. I profondi legami tra Hoover e Rosenstiel avrebbero continuato a svilupparsi nel corso degli anni; infatti, come già detto, l’aiutante di lunga data di Hoover, Louis Nichols, divenne vicepresidente dell’impero di liquori di Rosenstiel che, inoltre, donò oltre $ 1 milione alla J Edgar Hoover Foundation, che Nichols dirigeva all’epoca. C’è più di un documento che attesta che Hoover tentò di usare il ricatto per proteggere Rosenstiel e il suo comandante sul campo, il famigerato Roy Cohn, altra figura chiave nell’operazione di ricatto sessuale di Rosenstiel che coinvolgeva minorenni.

Decenni dopo la sua morte, Roy Cohn rimane una figura controversa, in gran parte a causa del suo stretto rapporto personale con l’ex presidente degli Stati Uniti, Donald Trump. Eppure i rapporti su Cohn, sia negli anni recenti che in quelli passati, spesso mancano il bersaglio nella loro caratterizzazione dell’uomo che divenne strettamente associato alla Casa Bianca di Reagan, alla CIA, all’FBI, al crimine organizzato e a molte delle figure che avrebbe poi circondato Jeffrey Epstein.

Per comprendere la vera natura di Roy Cohn, è essenziale esaminare la sua ascesa al potere nei primi anni ’50, quando a soli 23 anni divenne una figura chiave nel processo di alto profilo delle spie sovietiche Ethel e Julius Rosenberg e, in seguito, come braccio destro del senatore Joseph McCarthy. La dedizione di Cohn alle attività anticomuniste negli anni ‘50 è presumibilmente ciò che lo ha reso caro a J. Edgar Hoover, che ha incontrato per la prima volta nel 1952, quando Hoover espresse ammirazione per le tattiche aggressive e manipolative di Cohn. Da quel momento in poi, Cohn e Hoover si sono scambiati favori, complimenti, regali e cene private. La data e le circostanze intorno all’introduzione di Cohn a Rosenstiel sono difficili da trovare. È possibile che il collegamento sia stato stabilito tramite il padre di Roy Cohn, Albert, un giudice di spicco e una figura influente nell’apparato del Partito Democratico di New York City, allora gestito da Edward Flynn. Successivamente è stato rivelato che l’organizzazione democratica dominata da Flynn, con sede nel Bronx, aveva legami di lunga data con la criminalità organizzata.

Indipendentemente da come o quando è iniziato, il rapporto tra Cohn e Rosenstiel era stretto ed è stato spesso paragonato a quello di un padre e figlio; ma quando Rosenstiel fu senile e vicino alla morte, Cohn tentò di ingannarlo, facendosi nominare esecutore testamentario e amministratore delle sue proprietà, del valore di $ 75 milioni (più di $ 334 milioni in dollari di oggi).

Nel 1969 la rivista LIFE riferì che Cohn e Rosenstiel si erano per anni definiti rispettivamente “Comandante sul campo” e “Comandante supremo”. Una volta stabilita la connessione con Hoover, la stella di Cohn iniziò a salire ancora più in alto a Washington. Il fatto che Hoover avesse raccomandato Cohn sarebbe diventato il fattore decisivo nella sua nomina a consigliere generale del senatore McCarthy. Seppure Cohn fosse spietato e apparentemente intoccabile come consigliere di del senatore, e lo abbia aiutato a distruggere molte carriere, dopo aver tentato di ricattare l’esercito in cambio di un il trattamento preferenziale per il consulente del comitato e presunto amante di Cohn, David Schine, la sua carriera nel comitato sarebbe giunta al termine. Dopo essere stato costretto a lasciare McCarthy a causa dello scandalo, Cohn è tornato a New York per vivere con sua madre e esercitare la professione legale. Pochi anni dopo il giudice di New York David Peck orchestrò l’assunzione di Cohn presso un studio legale di New York e, al momento della sua assunzione, Cohn portò all’azienda una sfilza di clienti legati alla mafia, inclusi membri di alto rango della famiglia criminale Gambino e, naturalmente, Lewis Rosenstiel.

Le connessioni che Roy Cohn aveva costruito durante gli anni ‘50 lo avevano reso un noto personaggio pubblico e si sono tradotte in una grande influenza politica che ha raggiunto l’apice durante la presidenza di Ronald Reagan. Tuttavia, mentre Cohn costruiva la sua immagine pubblica, stava anche sviluppando un’oscura vita privata, che sarebbe stata dominata dallo stesso racket di ricatto pedofilo che sembra essere iniziato con Lewis Rosenstiel. Una delle cosiddette “feste del ricatto” a cui Susan Kaufman partecipò con il suo allora marito Lewis Rosenstiel, fu ospitata da Cohn nel 1958 al Plaza Hotel di Manhattan, suite 233. La Kaufman descrisse di essere stata presentata a Hoover, che era travestito da donna, da Cohn, che le aveva detto che il nome di Hoover era “Mary” in un impeto di malcelate risate. Kaufman, inoltre, testimoniò che erano presenti ragazzi molto giovani e che Cohn, Hoover e il suo ex marito fecero sesso con questi minori.

L’avvocato John Klotz, dopo aver passato al setaccio i documenti del governo locale e le informazioni raccolte da detective privati, trovò le prove del ruolo di Cohn in un giro di estorsioni a sfondo sessuale. La conferma più schiacciante delle attività di Cohn nella Suite 233 venne dalle dichiarazioni fatte dallo stesso Cohn all’ex detective del NYPD ed ex capo della Divisione Traffico di esseri umani, James Rothstein. Rothstein disse che Cohn aveva ammesso di aver preso parte a un’operazione di ricatto sessuale, che mirava a colpire politici che avevano rapporti con prostitute minorenni. Rothstein affermò che il lavoro di Cohn era quello di gestire i ragazzini, e aggiuse: «supponiamo che tu abbia un ammiraglio, un generale e un membro del Congresso, che non vogliono seguire il programma. Il compito di Cohn era quello di incastrarli, così poi sarebbero andati d’accordo.» Rothstein, in seguito, disse a un giornalista che Cohn aveva identificato questo tipo di operazioni come parte della crociata anticomunista dell’epoca; secondo Rothstein, questo suggeriva che elementi del governo, incluso l’FBI, potrebbero essere stati collegati a un livello molto più ampio di quello di Hoover

Vale anche la pena notare che tra i molti file di ricatto di Hoover c’era un consistente dossier su McCarthy, il cui contenuto suggeriva che il senatore fosse interessato alle ragazze minorenni. Secondo il giornalista e autore David Talbot , il fascicolo di Hoover su McCarthy era «pieno di storie inquietanti sull’abitudine di McCarthy di palpare da ubriaco il seno e le natiche delle ragazze». Le storie erano così diffuse che divennero celebri nella capitale.

La domanda che sorge dalle rivelazioni riguardanti le attività che avevano luogo nella Suite 233 è chi altro Cohn stava “proteggendo” e assistendo con le prostitute minorenni? Uno di loro avrebbe potuto benissimo essere uno degli amici intimi e clienti di Cohn, il cardinale Francis Spellman dell’arcidiocesi di New York, che si diceva fosse presente ad alcune delle feste che Cohn aveva ospitato al Plaza Hotel. Spellman - una delle figure più potenti della Chiesa cattolica del Nord America, a volte indicato come “il Papa d'America” ​, era stato accusato di condonare la pedofilia nella chiesa cattolica. Inoltre, si diceva che Hoover fosse in possesso di un fascicolo che descriveva in dettaglio la vita sessuale del cardinale, suggerendo il suo coinvolgimento nel racket della protezione dei pedofili, in cui Cohn e Hoover erano coinvolti personalmente.

Le persone vicine a Cohn osservarono che egli era spesso circondato da gruppi di giovani ragazzi, ma che loro non sembravano non farci caso. Simili commenti disinvolti sulla propensione di Epstein per i minori sono stati fatti da persone a lui vicine, prima del suo arresto.

Sebbene non si sappia se le feste al Plaza Hotel siano continuate anche dopo la morte di Cohn per AIDS nel1986, vale la pena notare che Donald Trump ha acquistato il Plaza nel 1988. Successivamente, sarebbe stato riportato dai partecipanti che Trump usava ospitare le sue feste nelle suite del Plaza Hotel e che lì girassero giovani ragazze, che venivano presentate a uomini più anziani e più ricchi in un contesto in cui droghe illegali e giovani donne venivano distribuite ed usate. Andy Lucchesi, un modello che aveva contribuito a organizzare alcune di queste feste al Plaza Hotel per Trump, riferì che molte delle ragazze che partecipavano a quelle feste erano quattordicenni che dimostravano ventiquattro anni, ma che lui non aveva mai chiesto loro l’età. Inoltre, Lucchesi affermò di aver preso parte anche ad attività che potevano essere considerate controverse.

Tra gli amici di Cohn c’erano personalità davvero importanti: un ex direttore della CIA, Ronald Reagan e la moglie Nancy, i magnati dei media Rupert Murdoch e Mort Zuckerman, numerose celebrità, avvocati di grido e figure di spicco della Chiesa cattolica e di importanti organizzazioni ebraiche. Molti dei nomi che circondarono Cohn fino alla sua morte, avrebbero circondato successivamente Jeffrey Epstein e sarebbero apparsi nel suo ormai famigerato “libro nero”.

Sebbene Trump fosse chiaramente collegato sia a Epstein che a Cohn, la rete di Cohn si estense anche all’ex presidente Bill Clinton, il cui amico e consigliere politico di lunga data, Richard “Dirty Dick” Morris, era cugino e stretto collaboratore di Cohn. Morris era anche vicino all’ex direttore delle comunicazioni di Clinton, George Stephanopoulos, anche lui associato a Jeffrey Epstein.

Tuttavia, questi erano solamente i collegamenti di Cohn con membri i rispettabili dell’establishment. Egli era anche noto per i suoi profondi legami con la mafia, e aveva acquisito importanza soprattutto per la sua capacità di collegare figure chiave della malavita criminale a figure influenti rispettate e accettate nella sfera pubblica. Lo strumento più potente di Cohn fu il ricatto, che utilizzò contro amici e nemici, gangster e funzionari pubblici, allo stesso modo. L’operazione di Cohn era nota per avere dei successori, come rivelato da una serie di scandali nei primi anni ‘90 che da allora sono stati nascosti. La notevole quantità di sovrapposizioni tra le attività segrete di Epstein e quelle di Cohn nel ricatto sessuale, e i loro legami con molti degli stessi potenti individui e circoli di influenza, suggeriscono che fosse proprio Epstein uno dei successori di Cohn.

͌

Quando Donald Trump entrò sulla scena politica nel 2015, il suo mentore, Roy Cohn aveva creato una macchina d’influenza di potere senza rivali, che includeva alcune delle persone più importanti nei media e nella politica, nonché un schiera di celebrità. Molte delle sue feste di compleanno, nel corso degli anni, hanno attirato personaggi famosi come l’artista Andy Warhol, lo stilista Calvin Klein e il comico Joey Adams; oltre a personaggi politici di rilievo tra cui l’ex sindaco di New York Abraham Beame e l’allora membro dell’Assemblea di Brooklyn e futuro il senatore Chuck Schumer. Nel 1979 Margaret Trudeau, madre dell’attuale Primo Ministro del Canada Justin Trudeau, partecipò alla festa di compleanno di Cohn, come anche Donald Trump, che divenne il protetto di Cohn a metà degli anni ’70. Si diceva infatti che i politici, i giornalisti e le celebrità invitati alle feste esclusive di Cohn fossero coloro che avevano conti aperti nella sua “banca dei favori “.

Molte delle amicizie con le celebrità, erano state coltivate al famoso e notoriamente dissoluto nightclub di New York Studio 54, che è stato descritto da Vanity Fair come il vertiginoso epicentro dell’edonismo degli anni ’70: una fiera infinita di bella gente, cocaina e sesso di ogni tipo. Cohn era, infatti, avvocato di lunga data dei proprietari del club. Tra i suoi amici più stretti c’era Barbara Walters, a cui Cohn si riferiva spesso come la sua fidanzata, e che in seguito presentò al capo dell’Agenzia di informazione degli Stati Uniti, Chad Wick, e ad altri grandi scommettitori della Casa Bianca di Reagan. Tuttavia, la Walters era solo una dei potenti amici di Cohn nei media, un gruppo che comprendeva anche Abe Rosenthal, direttore esecutivo del New York Times; William Safire, editorialista di lunga data del giornale e collaboratore del New York Magazine ; e George Sokolsky del New York Herald Tribune, NBC e ABC. Sokolsky era un amico particolarmente intimo sia di Cohn che del già ampiamente citato ex direttore dell’FBI Hoover. Sokolsky aveva anche diretto l’American Jewish League Against Communism con Cohn per diversi anni.

Cohn era anche avvocato e amico del magnate dei media Rupert Murdoch e, secondo il New York Magazine, ogni volta che Roy voleva sfruttare una storia, chiamava Murdoch. Egli si è anche appoggiato al suo amico dai tempi del liceo, Newhouse Jr., per esercitare un’influenza sui media. Newhouse aveva supervisionato l’impero dei media che ora include Vanity Fair, Vogue, GQ, The New Yorker e numerosi giornali locali negli Stati Uniti, oltre a importanti interessi nella televisione via cavo. Il New York Magazine ha anche osservato che Cohn aveva usato la sua influenza nei primi anni ‘80 per assicurarsi favori per se stesso e per i suoi clienti della mafia nelle pubblicazioni di Newhouse. Gli altri amici del liceo di Cohn , Pope Jr. e Richard Berlin, divennero in seguito i proprietari del National Enquirer e della Hearst Corporation. Cohn era anche caro amico di un altro magnate dei media, Mort Zuckerman, che - insieme a Rupert Murdoch - avrebbe stretto amicizia anche con Jeffrey Epstein.

Il giornalista William Buckley di The National Review, spesso attaccava i nemici politici di Cohn nelle sue colonne, usando Cohn come fonte anonima. Buckley in seguito ottenne un prestito di $ 65.000 fortemente scontato, per acquistare una barca di lusso, da una banca su cui Cohn aveva molta influenza. Buckley, Barbara Walters, Alan Dershowitz e Donald Trump fecero da testimoni in favore di Cohn durante le udienze per la sua espulsione dall’albo nel 1986 e, in seguito, tutti tranne Buckley avrebbero suscitato polemiche per le loro relazioni con Jeffrey Epstein. Quindi, la “banca dei favori” di Cohn e la sua posizione di collegamento con la malavita criminale, con i ricchi e famosi e con i principali media influencer, lo hanno reso una forza da non sottovalutare. Tuttavia, sono stati i suoi legami politici con figure di leadership sia nel partito repubblicano che in quello democratico, nonché la sua stretta relazione di lunga data con il direttore dell’FBI, ad averlo reso intoccabile per gran parte della sua vita. Sebbene la maggior parte della sua influenza politica sia stata forgiata negli anni ‘50, Cohn divenne ancora più potente con l’ascesa di Ronald Reagan.

Anche se nominalmente ha mantenuto la sua affiliazione con il Partito Democratico per tutta la vita, fu durante le campagne presidenziali del 1976 e del 1980 di Ronald Reagan che Cohn incontrò un altro dei suoi protetti: Roger Stone, al quale ordinò di lasciare una grossa tangente nascosta in una valigia, davanti alla porta del quartier generale del Partito Liberale, durante la campagna del 1980. Durante questa campagna, Cohn avrebbe anche incontrato Paul Manafort –un socio di Stone e successivamente il responsabile della campagna 2016 di Trump – e lo avrebbe presentato a Donald Trump. Il partner legale di Cohn, Tom Bolan, è stato una forza influente nella campagna di Reagan che, in seguito, lo nominò direttore della Overseas Private Investment Corporation, l’istituto finanziario per lo sviluppo del governo americano. Bolan fu anche co-presidente delle finanze di New York nella campagna di Reagan sia nel 1980 che nel 1984, ed era anche vicino a Donald Trump e Rupert Murdoch.

Sebbene a Cohn non fosse mai stata assegnata una posizione pubblica nell’amministrazione Reagan, egli non era semplicemente uno “sporco imbroglione” che aveva agito nell’ombra durante le presidenziali. In effetti, Cohn aveva lavorato a stretto contatto con alcuni dei volti più in vista della campagna, tra cui l’allora direttore delle comunicazioni per la campagna di Reagan del 1980 e successivamente direttore della CIA, William Casey. Secondo Christine Seymour – centralinista di lunga data di Cohn, che aveva ascoltato le sue chiamate – una delle altre amiche telefoniche più frequenti di Cohn era Nancy Reagan, e anche lei era una delle sue clienti.

Prima della morte di Cohn, Nancy e suo marito Ronald gli assicurarono un posto in un esclusivo programma sperimentale di trattamento dell’AIDS, nonostante la ben documentata mancata risposta dell’amministrazione Reagan alla crisi dell’AIDS dell’epoca. Secondo il defunto giornalista Robert Parry, Ronald Reagan aveva elargito favori a Cohn, inclusi inviti a eventi della Casa Bianca, note di ringraziamento personali e auguri di compleanno amichevoli, durante tutto il corso della sua presidenza.

Non diversamente da Cohn, il mentore di Reagan, Lew Wasserman, aveva stretti legami con la mafia. Wasserman, presidente di lunga data della MCA e noto magnate di Hollywood, è noto non solo per aver contribuito alla carriera cinematografica e televisiva di Reagan, ma anche per averlo sostenuto nel lanciò della sua carriera politica. Inoltre, MCA è stato uno dei principali finanziatori della campagna governativa di Reagan nel 1966; non a caso, non molto tempo dopo che divenne presidente la sua amministrazione chiuse una massiccia indagine del Dipartimento di giustizia sui legami di MCA con la criminalità organizzata. Inoltre, dall’indagine del Dipartimento di Giustizia sulla MCA sarebbe venuto fuori che un membro influente della famiglia criminale Gambino, Salvatore Pisello, stava facendo affari con la MCA. A quel tempo, il capo della famiglia Gambino, Paul Castellano, era un cliente di Roy Cohn.

͌

Sebbene l’influenza di Cohn nell’amministrazione Reagan e la sua amicizia con la famiglia Reagan e la loro cerchia ristretta siano state riconosciute, meno noto è come Cohn abbia aiutato gli sforzi di propaganda segreta della CIA che facevano parte di un più ampio scandalo, noto come Iran-Contra. Cohn aveva stretto legami con il direttore della US Information Agency, Chad Wick, mentre l’allora direttore della CIA e amico di Cohn, William Casey, stava guidando una vasta campagna di pubbliche relazioni volta a rafforzare il sostegno pubblico alle politiche latinoamericane di Reagan, compreso il sostegno ai paramilitari Contra. Questo sforzo di propaganda interna era tecnicamente illegale e, come riportato da Robert Parry nel 2015, Wick aveva preso l’iniziativa al fine di ottenere finanziamenti privati​; così, solo pochi giorni dopo che Wick aveva promesso di trovare sostegno finanziario, Cohn portò alla Casa Bianca il suo caro amico, il magnate dei media Rupert Murdoch. I documenti rilasciati durante lo scandalo Iran-Contra nel 1987 indicano che Murdoch fu presto visto come una fonte di finanziamento privato per la campagna di propaganda. Dopo quell’incontro iniziale, Murdoch divenne il principale alleato mediatico di questo sforzo propagandistico diretto da Casey, e divenne anche sempre più vicino alla Casa Bianca di Reagan. Di conseguenza, il magnate dei media trasse grandi benefici da quell’amministrazione, benefici che gli permisero di aumentare le sue partecipazioni nei media statunitensi e di creare la Fox Broadcasting Corporation nel 1987.

͌

Roy Cohn non era l’unico vicino all’amministrazione Reagan che gestiva operazioni di ricatto sessuale che abusavano e sfruttavano i bambini. In effetti, c’erano diverse figure, tutte in contatto diretto con il direttore della CIA, William Casey e altri amici intimi e confidenti di Cohn. Uno di questi individui era Robert Keith Gray, ex presidente e amministratore delegato della potente società di pubbliche relazioni Hill and Knowlton con sede a Washington, che venne definito “un governo ombra non eletto” a causa della sua influenza nella capitale. Secondo il Washington Post, infatti, lo stesso Gray era uno dei lobbisti più ricercati di Washington . Tuttavia, Gray era molto più di un potente dirigente delle pubbliche relazioni.

Gray, che in precedenza era stato uno stretto consigliere sia Eisenhower che di Nixon, era un raccoglitore di fondi repubblicano di grande successo e, in seguito, divenne vicedirettore delle comunicazioni durante la campagna di Reagan nel 1980, lavorando direttamente sotto William Casey, che in seguito sarebbe diventato direttore della CIA. Dopo quell’incarico, Gray tornò alla sua attività di pubbliche relazioni, assumendo diversi clienti tra cui il trafficante di armi saudita Adnan Khashoggi e il gestore di hedge fund Marc Rich. Rich, fu una risorsa del gruppo di intelligence israeliano Mossad e il suo successivo perdono criminale da parte di Bill Clinton fu ampiamente orchestrato dai membri del Mega Group e da politici israeliani come Ehud Barak.

La connessione tra Gray e Casey è particolarmente significativa, poiché è stato successivamente rivelato dall’ex senatore dello stato del Nebraska, diventato investigatore John DeCamp, che Gray era uno specialista in operazioni di ricatto omosessuale per la CIA, e si diceva anche che avesse collaborato con Roy Cohn in quelle attività. Gray era un noto socio dell’agente della CIA e ufficiale dell’intelligence navale Edwin Wilson, avendo prestato servizio negli anni ‘70 nel consiglio di Consultants International, un’organizzazione che Wilson aveva fondato e che la CIA utilizzava come società di copertura. Sebbene Gray abbia tentato di prendere le distanze da Wilson, dopo che quest’ultimo era stato sorpreso a vendere illegalmente armi alla Libia nel 1983, una revisione della Marina americana sulla carriera di Wilson nell’intelligence, portata alla luce dal giornalista Peter Maas, ha affermato che Gray aveva descritto Wilson come un uomo di fiducia incondizionata, e che Gray e Wilson erano stati in contatto professionale due o tre volte al mese, già nel 1963. Sebbene la principale specialità di Wilson fossero le società di copertura utilizzate per spedire e contrabbandare segretamente merci per conto dell’intelligence statunitense, secondo il suo ex partner e collega agente della CIA, gestiva anche operazioni di ricatto sessuale per la CIA, in particolare durante il periodo dello scandalo Watergate.

͌

Un’altra rete di pedofili collegata a uno stretto collaboratore dell’ex presidente George Bush senior, nei primi anni ‘90 era gestita come affiliata dell’ente benefico cattolico Covenant House, fondato e gestito da padre Bruce Ritter. Nel 1968, Ritter chiese al suo superiore, il cardinale Francis Spellman dell’arcidiocesi di New York, il permesso di accogliere adolescenti, ragazzi e ragazze senzatetto, nella sua casa di Manhattan. Successivamente, come già detto, Spellman venne accusato di pedofilia e di aver ordinato al sacerdozio pedofili noti, mentre prestava servizio come sacerdote cattolico di più alto rango negli Stati Uniti. Spellman era anche uno stretto collaboratore, cliente e amico di Roy Cohn, nonché del suo partner legale Tom Bolan, Inoltre, il cardinale fu visto in diverse occasioni alle “feste di ricatto” di Cohn. Ritter, come Spellman e altri sacerdoti che prestavano servizio sotto Spellman, fu infine accusato di avere avuto rapporti sessuali con molti dei ragazzi minorenni che aveva accolto, e di aver speso i fondi della Covenant House in doni e pagamenti sontuosi agli adolescenti vulnerabili che sfruttava. Una delle vittime di Ritter, Darryl Bassile, gli scrisse una lettera aperta un anno dopo che la stampa aveva denunciato gli atti predatori del prete sui ragazzi adolescenti, dicendo: «Hai sbagliato a infliggere i tuoi desideri a un quattordicenne. So che un giorno ti troverai davanti a colui che ci giudica tutti e in quel momento non potrai più negare ciò che hai fatto.»

In particolare, quando nel 1989 le attività di Ritter a Covenant House furono smascherate dal New York Post, Charles M. Sennott, il reporter che scrisse la storia, affermò che poteri più secolari dell’arcidiocesi o dei francescani proteggevano Ritter. Il rapporto di Sennott è stato attaccato ferocemente da editorialisti di altri media di New York e da politici potenti, tra cui l’allora governatore di New York Mario Cuomo, nonché dal successore del cardinale Spellman, il cardinale John O’Connor. La ragione per cui questi poteri secolari sono venuti in aiuto di Ritter – che non è mai stato accusato di avere rapporti sessuali con minori ed è stato semplicemente costretto a dimettersi dal suo incarico – è che Covenant House e lo stesso Ritter erano profondamente legati a Robert Macauley, compagno di stanza di Bush senior a Yale, nonché amico di lunga data della famiglia Bush.

Macauley è stato descritto dal New York Times come strumentale alla raccolta fondi di Covenant House, dopo essere entrato a far parte del consiglio di amministrazione nel 1985 e aver assunto molte persone ricche o ben collegate, inclusi ex funzionari governativi e banchieri. L’organizzazione di Macauley, la fondazione AmeriCares, che in seguito fu accusata di incanalare denaro ai Contras in America centrale, era una delle principali fonti di finanziamento di Covenant House. Uno dei membri del comitato consultivo di AmeriCares era William E. Simon, ex segretario al tesoro degli Stati Uniti sotto le amministrazioni Nixon e Ford, che gestiva anche il Nicaraguan Freedom Fund, che inviava aiuti ai Contras. AmeriCares era anche nota per lavorare direttamente con l’intelligence statunitense. Inoltre, Ritter aveva visitato la tenuta di Macauley nel Connecticut e servito come vicepresidente di AmeriCares fino a quando non fu costretto a dimettersi da Covenant House. Anche il padre di George Bush senior, Prescott, fece parte del comitato consultivo di AmeriCares. Anni prima che Ritter venisse denunciato come pedofilo che abusava degli adolescenti svantaggiati e vulnerabili che cercavano rifugio nel suo ente di beneficenza, Covenant House fu ampiamente elogiato dal presidente Ronald Reagan, che appellò Ritter come “uno degli eroi non celebrati del paese”. Dal 1985 al 1989, il budget operativo di Covenant House crebbe da $ 27 milioni a $ 90 milioni, e il suo consiglio arrivò ad includere persone potenti, tra le quali alti dirigenti di IBM.

Fu durante questo periodo che Covenant House divenne un’organizzazione internazionale, aprendo filiali in diversi paesi. La sua prima filiale in America Centrale venne aperta in Guatemala ed era guidata da Roberto Alejos Arzu, una risorsa della CIA la cui piantagione è stata utilizzata per addestrare le truppe impiegate nella fallita invasione della “Baia dei Porci” di Cuba da parte della CIA. Alejos Arzu era anche socio dell’ex dittatore nicaguarense appoggiato dagli Stati Uniti, Anastasio Somoza, nonché membro dei Cavalieri di Malta, un ordine cattolico a cui appartenevano anche l’ex direttore della CIA William Casey e il partner legale di Roy Cohn, Tom Bolan. Alejos Arzu lavorava anche per AmeriCares ed era legato a diversi gruppi paramilitari centroamericani. Fonti della comunità di intelligence affermano che il ramo di Covenant House guidato da Alejos Arzu aveva procurato bambini per un giro di pedofili con sede negli Stati Uniti. Anni dopo, Mi Casa, un altro ente di beneficenza gestito dagli Stati Uniti in Guatemala che George Bush senior aveva personalmente portato in tournée con sua moglie Barbara nel 1994, fu accusato di pedofilia dilagante e abusi sui minori.

͌

Dopo aver lasciato il suo lavoro come corrispondente di ABC News negli anni ‘80, Craig Spence ha avuto successo come lobbista conservatore di Washington; tuttavia, nel giugno 1989 fu rivelato che aveva sfruttato i bambini per l’élite del potere nella capitale della nazione per tutti gli anni ’80, in appartamenti infestati da apparecchiature di registrazione video e audio. Proprio come Jeffrey Epstein, che gestiva un’operazione simile, Spence veniva spesso paragonato a Jay Gatsby, la figura misteriosa del noto romanzo di Fitzgerald. In un articolo del New York Times si affermava che nell’agenda telefonica personale di Spence e negli elenchi degli invitati alle sue feste, comparivano i nomi delle persone più ricche e potenti del Congresso, del governo e del giornalismo. Anche Roy Cohn, William Casey e l’amico giornalista di Roy Cohn, William Safire, figuravano tra i partecipanti più assidui dei festeggiamenti di Spence. Spence sosteneva di essere amico di Richard Nixon, così come dell’ex procuratore generale sotto Nixon, John Mitchell; ma anche del giornalista della CBS, Eric Sevareid, del senatore John Glenn e di Peter Ustinov (attore e giornalista britannico). In particolare, Ustinov lavorò per un quotidiano europeo fondato nel 1990 da Robert Maxwell, il padre della presunta signora Epstein, Ghislaine Maxwell e un noto agente del Mossad. Sette anni dopo, venne fuori che Spence aveva intercettato i suoi celebri ospiti a scopo estorsivo. Secondo un rapporto esplosivo pubblicato dal Washington Times, Spence era collegato ad un giro di prostituzione omosessuale, i cui clienti includevano funzionari governativi, ufficiali militari statunitensi con sede locale, uomini d’affari, avvocati, banchieri, assistenti del Congresso, rappresentanti dei media e altri professionisti. Inoltre, Spence aveva offerto cocaina ai suoi ospiti come altro mezzo di ricatto. Un funzionario della Casa Bianca di Reagan e un sergente dell’aeronautica che aveva partecipato alle feste organizzate da Spence, hanno confermato che la casa dell’uomo fosse piena di cimici e che esistesse uno specchio segreto a due vie, grazie al quale si era tentato di intrappolare i visitatori in incontri sessuali compromettenti. Un uomo che parlò con il Washington Times disse che Spence aveva mandato una limousine a casa sua per portarlo ad una festa e che all’interno dell’auto c’erano diversi giovani che avevano cercato di “fare amicizia” con lui. Secondo alcuni, Spence era noto per offrire bambini piccoli per sesso ai partecipanti alle sue feste di ricatto, insieme a droghe illegali come la cocaina. Il rapporto del Washington Times, inoltre, documentava i collegamenti di Spence con l’intelligence americana, in particolare con la CIA. L’uomo era piuttosto paranoico riguardo al suo presunto lavoro per l’agenzia di cui si vantava, e aveva espresso la preoccupazione che la CIA stesse facendo il doppio gioco e che volesse ucciderlo, per poi farlo sembrare un suicidio. Non molto tempo dopo la pubblicazione del rapporto, Spence è stato trovato morto al Boston Ritz Carlton e la sua morte è stata rapidamente giudicata un suicidio.Il rapporto del Washington Times offre anche un indizio su ciò che Spence potrebbe aver fatto per la CIA, ovvero contrabbandare cocaina negli Stati Uniti da El Salvador, un’operazione che sosteneva avesse coinvolto personale militare statunitense. Una delle parti più critiche dello scandalo che circondava Spence, tuttavia, era il fatto che egli era stato in grado di entrare alla Casa Bianca a tarda notte durante l’amministrazione di George Bush senior con alcuni giovani che il Washington Times aveva descritto come “squillo”. Spence in seguito dichiarò che i suoi contatti all’interno della Casa Bianca erano funzionari di alto livello, in particolare l’allora consigliere per la sicurezza nazionale di George Bush senior, Donald Gregg. Gregg aveva lavorato alla CIA dal 1951 prima di dimettersi nel 1982 per diventare consigliere per la sicurezza nazionale di Bush, che allora era vicepresidente. Prima di dimettersi dal suo incarico alla CIA, Gregg aveva lavorato direttamente sotto William Casey e, alla fine degli anni ‘70, accanto a un giovane William Barr nel Pike Committee e al Church Committee del Congresso, che indagarono sulla CIA a partire dal 1975. Questi due comitati avevano, tra le altre cose, il compito di indagare sulle “trappole dell’amore” della CIA e sulle operazioni di ricatto sessuale utilizzate per attirare diplomatici stranieri in appartamenti pieni di cimici.

William Barr sarebbe poi diventato procuratore generale sotto Bush jr. e successivamente sotto Trump. Inoltre, il padre di Barr aveva lavorato per il precursore della CIA, l’Office of Strategic Services e aveva reclutato un giovane Jeffrey Epstein per insegnare alla Dalton School, dalla quale l’uomo venne poi licenziato. Un anno prima di assumere Epstein, Donald Barr aveva pubblicato un romanzo fantasy sulla schiavitù sessuale, e lo stesso anno in cui Barr assunse Epstein, suo figlio lavorava per la CIA. Il rapporto del Washington Times sul giro dei bambin di Spence, rivelò anche gli stretti legami che l’uomo aveva con l’onnipresente Roy Cohn. Una delle fonti del Times aveva affermato che ad una festa di compleanno di Roy Cohn che Spence aveva ospitato a casa sua, era presente anche il direttore della CIA, William Casey.

͌

Le rivelazioni su Craig Spence portarono alla scoperta del famigerato scandalo di abusi sessuali su minori e dell’omicidio rituale di Franklin. Quella sordida operazione fu gestita da Lerry King, un importante attivista e lobbista repubblicano locale che gestiva la Franklin Community Federal Credit Union, fino a quando non venne chiusa dalle autorità federali.

Nell’indagine dell’Omaha World Herald del maggio 1989 sulla King's Credit Union e sul giro sessuale, c’è una rivelazione relativa ai contra ribelli del Nicaragua. La possibilità che l’unione di credito fraudolenta di King finanziasse segretamente i contras fu supportata dalle successive segnalazioni di Pete Brewton dello Houston Post, che scoprì che la CIA, in collaborazione con la criminalità organizzata, aveva segretamente preso in prestito denaro da varie istituzioni di risparmio, per finanziare operazioni segrete. Una di quelle istituzioni aveva Neil Bush, figlio di George Bush senior, nel suo consiglio di amministrazione e aveva fatto affari con l’organizzazione di King. Il legame tra King e il team di Iran Contra è dimostrato dal fatto che King aveva co-fondato e successivamente donato oltre $ 25.000 a un’organizzazione affiliata all’amministrazione Reagan, la Citizens for America, che aveva pianificato gli incontri tra il tenente colonnello Oliver North e i leader di Contra. Il direttore di Citizens for America dell’epoca, David Carmen, gestiva contemporaneamente una società di pubbliche relazioni con l’ex capo delle operazioni segrete della CIA, Casey, mentre suo padre Gerald, era stato nominato da Reagan a capo dei servizi generali. Uno dei giornalisti che ha indagato le connessioni di Craig Spence scoprì che Larry King aveva un giro di squillo in Nebraska, ed esaminando le carte di credito di Spence, si scoprì che figurava il nome di King. Successivamente è stato rivelato che King e Spence erano essenzialmente soci in affari e che i loro traffici di bambini erano gestiti da un gruppo soprannominato Bodies by God.

Non si sa esattamente quanti gruppi operassero sotto l’egida di Bodies by God, tuttavia, ciò che si sa è che quei giri erano collegati tra loro, e che King e Spence erano entrambi collegati a funzionari di spicco dell’amministrazione Reagan e alle successive amministrazioni di George Bush senior, inclusi funzionari che avevano legami con la CIA, e con Roy Cohn e la sua rete.

In effetti Spence, pochi mesi prima del suo presunto suicidio al Boston Ritz Carlton, aveva accennato ai giornalisti del Washington Times che essi avevano semplicemente scalfito la superficie di qualcosa di molto più oscuro. Spencer disse: «Tutta questa roba che avete scoperto, riguardante le squillo, la corruzione e le incursioni notturne alla Casa Bianca, è insignificante rispetto ad altre cose che ho fatto. Ma non ho intenzione di dirvi queste cose, e in qualche modo il mondo andrà avanti». L’FBI rapidamente e in modo aggressivo coprì il giro di abusi sessuali sui minori di Larry King. Qui, è importante ricordare il ruolo chiave che l’ex direttore dell’FBI, Hoover, aveva svolto nelle operazioni di ricatto sessuale che riguardavano bambini, e la stretta relazione tra Hoover, Roy Cohn e Lewis Rosenstiel.

Anni dopo, i documenti rilasciati dall’FBI avrebbero mostrato che Epstein era diventato un informatore dell’agenzia nel 2008, quando Robert Mueller era il direttore del Bureau, in cambio dell’immunità dalle accuse federali allora pendenti; accordo che fallì con l’arresto di Epstein. Inoltre, l’ex direttore dell’FBI, Louis Freeh, sarebbe stato assunto da Alan Dershowitz, accusato di aver stuprato ragazze a casa di Epstein e di averle intimidite per convincerle a non testimoniare. La nomina di Freeh come giudice per il tribunale distrettuale degli Stati Uniti, per il distretto meridionale di New York, è stata orchestrata dal partner legale di Cohn, Tom Bolan. Pertanto, l’insabbiamento del caso Franklin da parte dell’FBI è solo un esempio della pratica di lunga data del Bureau di proteggere queste reti di pedofili, quando coinvolgono membri dell’élite politica americana. Bisogna, dunque, mettere discussione anche l’imparzialità di uno dei principali pubblici ministeri nel caso Jeffrey Epstein, Maurene Comey, che è la figlia dell’ex direttore dell’FBI James Comey.

͌

Mentre c’erano diverse operazioni di traffico sessuale collegate sia a Roy Cohn che alle sale del potere sotto l’amministrazione Reagan, nel giro di pochi mesi dopo la morte di Cohn sembrava che un altro individuo fosse diventato una figura centrale nella potente rete che Cohn aveva coltivato.

Quell’individuo, Jeffrey Epstein, sarebbe stato reclutato dopo il suo licenziamento dalla Dalton School, da Alan "Ace" Greenberg, un caro amico di Cohn, per lavorare alla Bear Stearns. Dopo aver lasciato l’azienda e aver lavorato come presunto “cacciatore di taglie” finanziario per clienti che si dice includessero il trafficante d’armi legato all’Iran-Contra, Epstein sarebbe entrato in contatto con Leslie Wexner, un miliardario vicino al Meyer Lansky – legato alla famiglia Bronfman, che a sua volta era legata a membri di sindacati della criminalità organizzata una volta rappresentati da Cohn. Lo stesso anno in cui Wexner avrebbe iniziato la sua associazione decennale con Epstein, un altro amico di Cohn con legami con la Casa Bianca di Reagan e la famiglia Trump, Ronald Lauder, avrebbe fornito a Epstein un passaporto austriaco contenente la foto di Epstein ma un nome falso. Lauder, Wexner e i Bronfman sono membri di un’organizzazione nota come Mega Group, che comprende anche altri “filantropi” collegati a Meyer Lansky, come il gestore di hedge fund Michael Steinhardt . Sebbene Epstein condivida una considerevole sovrapposizione con la rete descritta in questo rapporto, è anche connesso al Mega Group e ai suoi associati, incluso il padre di Ghislaine Maxwell, Robert Maxwell.

Importante è anche il ruolo dello stato di Israele, del Mossad e di diverse organizzazioni di lobby filo-israeliane globali in relazione a questa rete di operazioni di ricatto sessuale e a Jeffrey Epstein. È proprio qui, infatti, che entra in gioco l’intera portata dello scandalo Epstein: un’operazione di ricatto criminale gestita da figure influenti, nascoste in bella vista, per oltre mezzo secolo, sfruttando e distruggendo la vita di un numero incalcolabile di bambini. Nel corso degli anni, questa rete si è ramificata e diffusa ben oltre gli Stati Uniti, come si vede dall’attività di Covenant House in America Latina e dallo sforzo internazionale di Epstein per reclutare ragazze da abusare e sfruttare.


Contribuisci all'indipendenza di (F)ATTUALE


Commentaires


bottom of page